ambientat_logo_it

Come mai il nome e il logo “Ambientat”?

La storia di Ambientat inizia da un viaggio … un bellissimo viaggio in Brasile dove Carolina, Damiano e Chiara, si ritrovano a ricordare un passato da buoni compagni di Master in Paesaggistica, festeggiare un presente da grandi amici e immaginare un futuro ricco di bei progetti comuni sul paesaggio, e non solo.

Definita l’idea tra Firenze e Curitiba, è a Rio de Janeiro che questa prende forma, in un nome e in un logo.

AMBIENTAT.

Sintesi di Ambiente e Habitat, concetti importantissimi per un lavoro da paesaggista, che sia di ricerca scientifica, progettazione, formazione, divulgazione … caratterizzati anche dalla comune espressione grafica e fonetica, in italiano e portoghese, le due lingue ufficiali del gruppo.

Il, fatto solo da questa parola, emerge quasi naturalmente alla contemplazione dello skyline di Rio de Janeiro, dall’alto di uno dei tanti affascinanti rilievi che la animano: Pão de Açúcar, Pico da Tijuca, Pedra da Gávea, Corcovado… Una città dove la mano dell’uomo e della natura si sono intrecciate a tal punto da trovare una sintesi nell’appellativo Cidade Maravilhosa, come tutti la chiamano. Una meraviglia strana e affascinante al tempo stesso, fatta di montagne ricoperte da verdissime foreste, alternate al bagliore dei grattacieli e alle distese di colorate favelas arrampicate sui versanti. Il tutto abbracciato dall’immensa distesa oceanica che si insinua nelle ampie baie.

L’alternarsi di architetture naturali e artificiali, di linee curve e rette, di chiari e scuri, si rispecchia nelle semplici forme del logo, dove, a guardare bene, si potrebbe scorgere le inconfondibili sagome del Cristo o dei bondinhos di Rio!

Rio_o

 

testo : Chiara Serenelli

 

Questo post è tradotto anche in br .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>